Tag Archives: diversity

  • 0

Kick off del Percorso MITA S.T.A.R. – Tecnico di sviluppo di strategie marketing e commerciali per il prodotto moda tessile ACRONIMO S.T.A.R. for FASHION– Sales Textile Advanced Revolution for FASHION

Tags : 

A me l’onore e la responsabilità di aprire con motivazione e qualità, l’anno accademico per gli studenti MITA STAR che formerà i giovani di età 18-28 in Tecnici di sviluppo di strategie marketing e commerciali per il prodotto moda tessile ACRONIMO S.T.A.R. for FASHION– Sales Textile Advanced Revolution for FASHION.

Nel percorso MITA S.T.A.R. (http://mitacademy.it/index.php/star-for-fashion/) gli studenti avranno occasione di formarsi su tantissime materie, tra cui con me in Inglese Tecnico per la Moda, useremo diversi strumenti per approfondire la materia non solo il vocabolario e la grammatica, ma avremo l’opportunità di intervistare in Inglese alcuni personaggi della moda Italiana, e di imparare a descrivere pubblicità, lavorando anche sul tema della negoziazione e conflitti multiculturali.

Trenta i giovani quest’anno, e gli ITS sono un’ottima scelta per coloro che non vogliono solo conoscere, ma imparare a saper fare. Il MITA è capace di formare i giovani in professionisti dell’alta moda italiana, e le medie di occupazione post diploma sono del 98%, in quanto rispondono ai bisogni delle imprese del territorio. Una scelta vincente per il nostro Made in Italy.

Un grazie profondo alla Direttrice Antonella Vitiello e a tutto il suo staff per impegnarsi quotidianamente nella selezione, organizzazione e posizionamento dei numerosi corsisti MITA. La la formazione online è una sfida aggiuntiva, ma sta anche aiutando i nostri giovani a formarsi sulle nuove tecnologie. Speriamo presto di tornare in modalità formative in presenza. Teniamo duro!

 

 


  • 1

SOSTENIBILITÀ’ IN RISONANZA: Pensare, sentire e agire per l’ecosistema

Tags : 

In occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile ASVIS (SDGs 4,11 e 13), verrà offerto Sabato 3 Ottobre ore 16-18.30 presso il Parco del Mensola (ingresso via Madonna delle Grazie) a Firenze, un laboratorio esperienziale a cura di Elena Piani, Francesca Taddei, Melanie Sangwine e Daniele Federici, volto a creare esperienze corporee, ritmiche, artistiche e riflessive sulla nostra impronta ecologica.

Offriremo l’opportunità di sperimentare la ginnastica di Bothmer (per la quale non è necessaria alcuna preparazione atletica) di richiamo ambientale; una passeggiata nel parco per ricercare oggetti naturalistici con i quali si andrà a comporre un mandala (un cerchio simbolo dell’universo), nel quale potremo seminare l’intento di vita individuale, che confluirà in quello collettivo. A corredo dell’esperienza il suono delle campane di cristallo, che risuonerà connettendo i partecipanti ai quattro elementi (aria, terra, acqua e fuoco), al proprio sé e alla dimensione collettiva.

Concluderemo con una riflessione sull’importanza di connettere pensiero, sentimento e azione, concretizzando un’intenzione autentica per la sostenibilità.

L’incontro si svolgerà nel più ampio e profondo rispetto delle diversità.

L’evento si svolgerà in ambiente aperto, nel pieno rispetto delle regole del distanziamento sociale per il contenimento e diffusione della Covid-19 (Sars-cov-2).

È richiesto l’uso della mascherina, igienizzante per le mani, un telo personale e una busta per la raccolta degli oggetti naturali. Suggeriamo di portare acqua da bere, abbigliamento comodo, ed un quaderno e una penna per annotare l’esperienza. L’evento è aperto anche ai bambini.

b) Ingresso evento gratuito previa iscrizione a elena@pianiprojects.com riportando il titolo dell’evento, nome e cognome, età, professione ed eventuali esigenze.

Numero massimo di partecipanti 30. 

In caso di necessità contattare 346-0846579

Organizzatori:

Elena Piani – Formatore AIF, Consulente CSR e Innovazione Sociale
Francesca Taddei – Operatore Olistico e Counsellor
Melanie Sangwine – Visual Artist
Daniele Federici – Maetro Steineriano e Istruttore ISEF

 


  • 0

Resolving Conflict – Success story using Communication Compatibility Vision Cards

Tags : 

A group of people in front of a house Description automatically generated

Together with a group of friends, we gather once a month to share our personal experiences in relation to a theme. Our last gathering was in the peaceful setting of the Casentino Valley in Italy, where, surrounded by the powerful green of thousands of chestnut trees, we agreed to experience the theme “how do we reach important decisions in life”.

The theme was brought to us by Simon, a Benin refugee who escaped 3 years ago from his homeland, leaving behind his wife and three children, in the hope to build the foundations for a better life. Once settled in Italy, he could have then proceeded with the “family reunification”. During these last 3 years in Italy, Simon managed to learn Italian, find a job, integrate into society, as well as create a living for his whole family. He was ready to reunite the family, but the Italian bureaucracy was taking ages.

While waiting for this paperwork, and for the eighth year in a row, Simon tried applying to the USA Green card lottery, with no luck until this year, when his wife tried on his behalf. His wife was the one who received the official USA communication that they won the lottery! His wife was so excited, that she accepted the nomination and chose New York without consulting with her husband, who meanwhile had also received the paperwork from the Italian government. Problems of mistrust and miscommunication started, the couple started to crack, mainly because these life decisions are to be taken together as a family, not alone.

With all these emotions in motion before our friendly gathering, it was important for Simon, to use our gathering to get us all to share our personal experiences, and probably also to get some clearance on his feelings and support for his final decision: to join his family in USA and risk not succeeding after one year (green card coverage) or to push for his family’s relocation in Italy where his life is stable.

For our working session, we regrouped in groups of three to share our personal stories on decision-making, and we also had to prepare a sketch. The afternoon was remarkably interesting.

Despite our positive experience as a group, I could feel Simon needed further sharing and clearance. I asked Simon if he was happy to have a quiet moment for himself where I would share with him a playful yet serious game, the Ideal and current reality workshop” using the CCS image cards. He was incredibly happy to sit and to start imagining what is and what could be.

He shared one card at a time, sharing his interpretation and feelings. As he shared, his eyes brightened up. With the aid of the visuals (images) he was “seeing” the expression of a bright present.

Simon chose the first 5 cards representing his current reality, and then 5 cards representing his ideal reality. He shared one card at a time, sharing his interpretation and feelings. As he shared, his eyes brightened up. With the aid of the visuals (images) he was “seeing” the expression of a bright present. Soon after, he started sharing his ideal reality, and each image was becoming progressively real to him, he felt he was already touching his future!

He was not complete, he asked permission to move the cards around, which of course can be done. He decided to move the “ideal reality” images to the right of his “current reality”, all in a row. Taking his time to observe the chosen images, his energy level picked up, he was feeling lighter and relieved. His body language changed to a much more open posture and he smiled. He was accepting (with all mind, heart, and body) the choice his wife made on their behalf and he started projecting “their” life in New York as “one” family.

I indulged and asked him if he wished to go through the cards again and find an image which would represent an “enabling” card to make the ideal be reality. He chose a card that for him, represented “confidence”. He expanded and shared that he needed to have more self-confidence, as well as trust in this family decision, which was no longer his wife’s decision alone. By the end of our session together, all negative emotions had disappeared, he was ready for his ideal present. His heart was full of gratitude, and all bitterness towards the situation and his wife was removed. He was so thankful to the CCS methodology and cards, that he asked to buy the cards and use them to unveil his emotions and improve his communication in the future.

Simon did not feel alone anymore and was now clear on what needed to be done.

Note: Should you require further information and wish to purchase or receive training using the CCS Cards, please do contact me at elena@pianiprojects.com or +39 346 0846579. 

CCS has been widely used over the past 25 years and is an incredible tool for a variety of activities, from one to one coaching, to group facilitation and further. I can distribute CCS cards and deliver related workshops to you over Italy and Europe, in person, or online.

You can also visit CCS Corporation Australia website: https://ccs.cards/

 

 

 


  • 0

Workshop per gli importatori Ukraini di FCA Alfa Romeo MY2020

Tags : 

Stabilimento produttivo in world class manufacturing di FCA Alfa Romeo in Cassino – 23 Gennaio 2020

Per AMisura Consulenza, assieme al collega Luciano Mancini, abbiamo condotto un workshop formativo in modalità di round robin con gli importatori ukraini. Importante la conduzione in inglese, ma anche la consapevolezza della cultura balcanica e sintonizzazione sulla lingua russa. Il workshop ha permesso un confronto inter-regionale, e risvegliato un pensiero laterale ed inclusivo per arrivare a stimolare un nuovo mercato in crescita per Stelvio e Giulia. Un pubblico più diversificato, non solo veloce e maschile, ma anche femminile, andando oltre alcuni stereotipi sociali, e sottolineando la “meccanica delle emozioni” dietro l’eccellenza del made in Italy, dove i processi produttivi sono assicurati.


  • 0

Round Robin per Alfa Romeo EMEA

Tags : 

Immagine che contiene soffitto, interni, pavimento, parete

Descrizione generata automaticamente

In collaborazione con Luciano Mancini di A misura Consulenza, abbiamo facilitato un workshop con gli importatori EMEA di Alfa Romeo FCA. Abbiamo usato la metodologia del round robin per portare gli importatori a connettersi a processi, prodotto, opportunità e piano d’azione per migliorare la customer experience ed anche le vendite del model of the year 2020 di Giulia e Stelvio, preparando anche il mercato ai nuovi modelli successivi elettrici.

Roma- Hotel Sheraton Parco dei Medici 22 Novembre 2019


  • 0

Mindfullness @HRC Florence L&D Meeting

Tags : 

18 Settembre 2019 – Oggi per HRC Florence Valley mi è stato dato lo spazio per poter offrire a un gruppo di 30 HRM 5 minuti di meditazione guidata di Mindfullness. L’esercitazione intende, a lungo andare, sviluppare un’attitudine verso se stessi e gli altri non giudicante e di riconnettersi con l’intenzione profonda del presente che vogliamo e possiamo creare. Tale tecnica meditativa mostra benefici significativi per il trattamento di stress e altre patologie psicologiche ed infiammatorie, creando un miglioramento del benessere fisico, mentale e creatività.

 


  • 0

Workshop su Identità e Voce @Diversity & Inclusion Week in Findomestic

Tags : 

La Voce è uno strumento potente per trasformare le relazioni, la nostra identità e anche il nostre benessere. Assieme alla mia collega logopedista Eleonora Magnelli abbiamo offerto un interessante laboratorio esperienziale su come poter iniziare un percorso di cura di sé e degli altri, come confrontarci con alcuni pregiudizi, e imparare ad ascoltare le nostre emozioni e a trasmetterle con più consapevolezza.

“la voce si può definire come una sonorità (suono, rumore o entrambi) prodotta direttamente o indirettamente dal corpo umano con valenza informativa o comunicativa”.

Schindler O. La Voce – fisiologia, patologia, clinica e terapia. Piccin editore, 2009

 


  • 0

4a Tappa sulle Disabilità Visibili ed Invisibili a Padova @Diversity & Inclusion Week Findomestic

Tags : 

Il 10 Ottobre Piani Projects ha realizzato la 4 tappa del Workshop sulle Disabilità Visibili ed Invisibili per Findomestic. Occasione speciale di applicazione della metodologia LARP (live action role playing) per sperimentare un personaggio che porta una disabilità evidente o nascosta, dichiarata o non dichiarata. Tramite l’attività del journalling e debriefing abbiamo riflettuto, condiviso, concettualizzato e compreso quello che possiamo fare per essere più inclusivi. Grazie a tutte le splendide persone di Findomestic per essersi messe in gioco e per lo spirito di come possiamo migliorare il contesto nel quale viviamo e lavoriamo.

 


  • 0

LA VIOLENZA DOMESTICA SI DEVE PREVENIRE,  SI PUÒ PREVENIRE

Tags : 

LA VIOLENZA DOMESTICA SI DEVE PREVENIRE,
SI PUO’ PREVENIRE

La violenza domestica è una piaga che riguarda anche te, la tua città, la tua regione, il tuo paese.
Noi tutti dobbiamo informarci, per renderci conto della diffusione, della pericolosità e dei costi di questo fenomeno, per impegnarci insieme a prevenirlo.

Le donne vittime di violenza vanno sostenute e protette. Gli uomini violenti vanno aiutati a cambiare. I minori che hanno subito violenza, assistendo alle violenze, vanno protetti ed aiutati a non essere anch’essi le vittime di oggi o diventare i violenti di domani.
La violenza domestica si deve – e si può – prevenire. La violenza domestica danneggia la persona e la società. La violenza domestica riguarda tutti e non è un fatto privato!

La violenza sulla donna ha conseguenze drammatiche e spesso irreparabili. All’interno di una relazione, quando l’uomo usa violenza sulla donna spesso coinvolge anche i figli, compresi i minori. Nel 91% dei casi di violenza nella relazione, la vittima è la donna. Ogni 2 giorni, in Italia, è uccisa una donna dal partner o dall’ex partner. I minori coinvolti nella violenza familiare, oltre a subire traumi psicologici e affettivi, sono esposti all’alto rischio di riprodurre situazioni di violenza, da adolescenti e da adulti.

I CAMPANELLI D’ALLARME
Quali sono i segnali premonitori della violenza domestica? Come possiamo riconoscerli?

La donna:
• Si sente sminuita e controllata
• È isolata dalle amicizie e dalla famiglia d’origine
• Rimane in casa, ha paura di uscire
• Si trascura, è triste e depressa
• Non ha più stima in se stessa
• È spaventata e percepisce pericolo per sé o per i figli
• Nasconde lesioni o ferite che giustifica come incidenti
• Giustifica i maltrattamenti con spiegazioni vaghe

L’uomo:
• Ha scarso controllo dei suoi impulsi
• Cerca di isolare la donna
• Controlla la partner in tutto: dal lavoro alle spese, alle amicizie, agli spostamenti …..
• Limita la libertà della partner, perché la considera una “cosa” che appartiene solo a lui
• Dimostra una gelosia ossessiva verso la partner
• Umilia la donna, privatamente e pubblicamente, con gesti e parole
• Ha comportamenti violenti anche fuori dalla famiglia

Il minore:
• E’ spesso triste, senza motivi apparenti
• Rifiuta di parlare dei propri genitori o inventa storie fantastiche sulla sua famiglia
• Appare trascurato, viene spesso mandato da parenti e amici, non viene accudito
• Ha disturbi del sonno, dell’apprendi-mento e dell’attenzione
• È iperprotettivo nei confronti della madre ed ha atteggiamenti di paura verso il padre
• Riproduce scene di violenza nei giochi da solo o ostenta comportamenti di bullismo

PREVENIRE E’ CAMBIARE LA CULTURA
Tutti noi consideriamo la violenza un male e un reato. Tutti condanniamo la violenza. Quando però la violenza viene usata all’interno della relazione affettiva,
siamo più inclini a “comprendere” che a condannare. E, se anche non la giustifichiamo, non interveniamo perché pensiamo che non siano fatti nostri.

La violenza è sempre da condannare, non va mai giustificata, ed è ancora più grave se coinvolge anche i minori.

PERCHE’ prevenire
• Per evitare sofferenze a donne e minori
• Per scongiurare che la violenza di oggi generi altra violenza domani
• Perché curare la violenza subìta costa molto di più che prevenirla
• Per impedire che la violenza, la paura, le minacce, i ricatti, impediscano alla donna di reagire e all’uomo di cambiare
• Per arrivare in tempo: prima che la violenza diventi cronaca

COME prevenire
• Modificando il nostro modo di pensare: la violenza non è un fatto privato ma ci riguarda tutti
• Formando gli operatori sanitari e giudiziari, le forze dell’ordine, gli educatori
• Educando i giovani al rispetto della persona e a condannare la violenza sulla donna
• Cambiando i molti pregiudizi sul “ruolo sociale” della donna
• Aiutando gli uomini con tendenze violente

QUANDO prevenire
• Ogni volta che partecipiamo, sia direttamente che indirettamente, a violenze o maltrattamenti fisici, sessuali, psicologici ed economici
• Quando avvertiamo intorno a noi un campanello d’allarme
• Ogni volta che qualche amica/o, conoscente, vicina/o di casa, familiare, allieva/o, si trova in situazioni di violenza domestica

Amici, conoscenti, parenti, vicini di casa, impariamo a riconoscere i tanti volti della violenza e impegniamoci a combattere il silenzio

NON ASPETTIAMO CHE SIA TROPPO TARDI

Numero verde ANTIVIOLENZA E STALKING 1522 (24 ore su 24)

Città metropolitana di Firenze
• Associazione Artemisia Centro donne contro la violenza “Catia Franci” Onlus; email: artemisia@fol.it, indirizzo web: www.artemisiacentroantiviolenza.it, tel. 055 601375 e 055 602311
• Centro Aiuto donna Lilith Empoli; email: centrolilith@anpas.empoli.fi.it, indirizzo web: www.lilithcentroaiutodonna.it, tel. 0571 715256

Provincia di Prato
• La Nara; email: lanara@alicecoop.it, indirizzo web: www.alicecoop.it, tel. 0574 34472

Provincia di Pistoia
• Aiuto Donna; Servizio del Comune di Pistoia c/o Assessorato Politiche Sociali; email: aiutodonna@comune.pistoia.it, indirizzo web: www.comune.pistoia.it, tel. 0573 21175
• Liberetutte; email: info@liberetutte.org, indirizzo web: www.liberetutte.org, tel. 340 6850751

I siti web dei centri antiviolenza della Regione Toscana
• http://www.regione.toscana.it/-/i-siti-web-dei-centri-antiv…

A cura di Cittadinanzattiva toscana onlus