Author Archives: elenapianinz

  • 0

Corporate Fundraising, Events & PR per Campagne Crowdfunding

Tags : 

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-1/p50x50/37024717_2019220591434848_1519184650478551040_n.png?_nc_cat=102&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=3d87359e31397ff6a255c1aeef85d411&oe=5C741639

Assieme a Feel Crowd e altri professionisti, il 1 Ottobre Piani Projects ha iniziato il percorso di accompagnamento su Events & PR per realizzare eventi per generare più crowd attorno alle 5 campagne di crowd funding  — with Handy SuperabileCooperativa Sociale Il GirasoleLiMo – Linguaggi in Movimento,Quarto Spazio and Associazione Tumori Toscana – ATT Onlus.

Le campagne sono online dal 9 Novembre al 15 Dicembre le campagne crowdfunding, curiosate al seguente link per vedere come stiamo lavorando per la comunità e come potete sostenere i progetti ai quali abbiamo lavorato.

 


  • 0

Cena Pre-Natalizia per Dynamo Camp

Tags : 

Come Ambasciatrice del Dynamo Camp dal 2008 ho piacere di invitarvi a partecipare a questa iniziativa di raccolta fondi e anche filantropica per sostenere una campership di un bambino gravemente malato o con malattia cronica, affrettatevi a prenotare. Siamo 20 volontari in attesa di potervi servire una cena speciale e di regalarvi una serata speciale per grandi e piccini!

IMPERDIBILE CENA PRE-NATALIZIA PER DYNAMO CAMP!

FESTEGGIAMO INSIEME L’ARRIVO DELLE FESTE E DONIAMO UNA SETTIMANA DI ALLEGRIA A UN BAMBINO GRAVEMENTE MALATO E ALLA SUA FAMIGLIA PRESSO IL DYNAMO CAMP.

Vi offriremo Antipasto, Primo, Secondo, Contorno, Dessert, Vino, Acqua – Vera Cucina e Sapori a cura di #giuseppe_i_love_cooking/
Servizio e intrattenimento a cura dei Volontari Dynamo.

Menù Adulti: Tortino Verde in salsa d’Oriente con soffice di Mortadella | Gnocchetti croccanti di semola al profumo verde di natura | Cornetto di Pollo con anima Calabrese su insalatina fresca | Panna cotta su biscotto decorata al Caramello | Acqua | Pane grani antichi Cerealem | Vino Chianti Ruffino

Menù Bambini (3-12 anni): Crostini di fegatini | Tortiglioni al Sugo | Polpette rustiche con patatine fritte | Muffin | Acqua e Pane |

Intrattenimento bimbi a cura dei Dynamici & Spettacolo VIP!!!

Intero ricavato a favore di Dynamo
Offerta Minima Adulti €25 Bimbi €12
e avrete anche la possibilità di acquistare panettoni/pandori, calendari come regali natalizi e di sostenere Dynamo Camp.

Prenotazione obbligatoria
elena@pianiprojects.com
Elena Piani Info: 346 0846579

Dynamo Camp, il primo camp di Terapia Ricreativa in Italia
per bambini con malattie gravi o croniche. Regala a un bambino gravemente malato la gioia di essere solo un bambino!
…dove la vera cura è ridere e la medicina è l’allegria!

www.dynamocamp.org

Un Grazie anticipato per la vostra partecipazione
dal Gruppo Ambasciatori & Volontari Dyanmo

Si ringrazia per la collaborazione: Centro Anziani Q2 Villa Bracci, Vino Chianti RUFFINO, Forno Cerealem, VIP Onlus


  • 0

Elena Piani speaker @ “Parole Plurali: la forza di una lingua in più” il 29.11.18 c/o Impact Hub Firenze

Tags : 

Parlare una lingua in più: è una forza o una fatica? Punti di vista e storie vere per scoprire il valore di un contesto sociale plurale in cui le lingue circolano e in cui tutte le lingue sono accolte in maniera positiva, in un’ottica di valorizzazione della diversità. Senza però sottovalutare l’impegno, personale e di comunità, che questo comporta.

– Luna Badawi, laureanda in ” Strategie della comunicazione pubblica e politica” presso l’Università degli Studi di Firenze e mediatrice linguistico culturale > Bilinguismo e biculturalismo: due binari che camminano insieme, ma non sempre s’incrociano
– Lola Barcelo, Kalandraka > Kalandraka edizioni, un corridoio culturale nel sud del Mediterraneo
– Francesca Bensi, Limo > Una lingua in più: un progetto per promuovere il plurilinguismo a Firenze
– Marzia Emmer, Emmer School > L’esperienza di una scuola dell’infanzia bilingue a Firenze: sogno o realtà?
– Claudia Manetti, assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Siena DISPOC (Department of Social, Political and Cognitive Science) > Conoscere il bilinguismo attraverso la ricerca scientifica
– Elena Piani, freelance italo-neozelandese > Confessioni di una figlia, professionista e mamma poliglotta

Per i piccoli: Letture e animazione in inglese per bambini/e da 3 anni
E per finire… continueremo a parlare molte lingue davanti a uno spritz! 🙂

Questo il link per registrarsi: https://bit.ly/2R4ZuQx

E qui l’evento Facebook: https://www.facebook.com/events/734294460271395/


  • 0

Confindustria: quasi il 60% delle associate prevede forme di welfare aziendale

Tags : 

Interessante ricerca di Condindustria in tema di #welfareaziendale. A mio avviso, si sta ancora lavorando in “spazi” non particolarmente innovativi del welfare, legati ad una #comunicazioneinterna più efficiente ed efficace, preferibilmente anche integrata con la #comunicazioneesterna. Per quanto concerne lo #smartworking è in ascesa, anche se da una mia ricerca, molte sono ancora in fase pilota, e purtroppo è vista molto come lavorare da casa, invece che in spazi #coworking.

Segue articolo di Valentino Santoni pubblicato su Secondo Welfare 20 novembre 2018

È questo il risultato di un’indagine effettuata dal Centro Studi della Confederazione degli industriali che ha coinvolto oltre 4.200 imprese

Lo scorso 13 novembre il Centro Studi di Confindustria ha reso pubblica la nota numero 5/2018. Il documento fornisce alcuni dati interessanti in merito all’utilizzo di forme premiali e strumenti di welfare aziendale da parte delle imprese iscritte alla Confederazione degli industriali. I risultati dell’indagine che sarà riportata in seguito si riferiscono ad un campione di 4.207 aziende e ad un totale di 726.642 lavoratori.

La diffusione delle forme premiali nelle imprese di Confindustria

Secondo la rilevazione, condotta tra marzo e maggio 2018, circa il 21% delle imprese del campione considerato avrebbe introdotto degli strumenti premiali destinati ai dipendenti attraverso la contrattazione aziendale. Questa dinamica sembrerebbe essere maggiormente diffusa tra le realtà di medio-grandi e grandi dimensioni. Se si considera ad esempio il settore dell’industria, infatti, la percentuale delle realtà che prevede forme di Premi di Risultato passa dal 10% tra le aziende con meno di 15 addetti al 32% tra quelle con 16-99 addetti; raggiunge invece il 73% tra quelle con più di 100 dipendenti.

Si sottolinea comunque che, rispetto agli anni precedenti, la diffusione dei contratti aziendali che prevedono l’erogazione di premi risulta in lieve aumento (+2% rispetto allo stesso periodo del 2017).

Il 16% delle imprese che prevedono l’erogazione di un premio variabile collettivo ha introdotto anche la possibilità per i lavoratori di convertire l’importo premiale in un budget da spendere in beni e servizi di welfare. Come previsto dalla Legge di Stabilità del 2016, la scelta di strumenti di welfare aziendale consente di accedere ad una serie di sgravi e vantaggi di natura fiscale.

Ad ogni modo, anche in tale caso questa dinamica contrattuale tende ad essere più diffusa nelle grandi realtà: considerando ancora una volta il caso dell’industria, il rapporto sottolinea come la possibilità di conversione del premio in welfare sia prevista dal 9,6% dei contratti in imprese fino a 15 dipendenti, dal 19% in quelle con 16-99 addetti e dal 30% in quelle con oltre 100 addetti.

La diffusione del welfare aziendale

Osservando più da vicino il fenomeno del welfare aziendale, il documento evidenzia che quasi il 58% delle imprese considerate eroga uno o più servizi di welfare ai propri dipendenti non dirigenti; come nel caso dei premi, però, queste percentuali tendono ad aumentare sensibilmente nelle imprese di grandi dimensioni e diminuire nelle piccole. Questa dinamica è ben evidenziata all’interno della Tabella 1.

La misura di welfare più diffusa è l’assistenza sanitaria: quasi la metà delle aziende associate versa regolarmente contributi in fondi integrativi (44%), principalmente in applicazione di quanto previsto dai contratti collettivi nazionali di categoria (38%). La diffusione della previdenza complementare è al 27%, anch’essa soprattutto in attuazione di CCNL (24%). Per entrambe queste forme di welfare, la percentuale relativa alla loro diffusione sale notevolmente tra le imprese con più di 100 dipendenti: si arriva infatti al 76% per la sanità integrativa e al 73% per la previdenza complementare.

Seguono poi le somministrazioni di vitto (come ad esempio i buoni pasto e le mense aziendali) e i fringe benefit (tra cui i prestiti agevolati, le autovetture ad uso promiscuo, il cellulare aziendale, etc.), i quali sono messi a disposizione da circa una azienda su 5 (21% e 19%). Questi strumenti – non molto vicini alla logica sociale del welfare – sono principalmente previsti su base unilaterale (rispettivamente 13% e 16%).

Somme e servizi previsti dall’articolo 100 del Tuir – cioè quelli con finalità di educazione, istruzione o ricreazione rivolti ai dipendenti – sono erogati da circa una realtà su 20 (il 5%); una quota simile di imprese (6%) eroga invece servizi relativi all’istruzione e all’educazioni destinati ai figli dei dipendenti (articolo 51, lettera f-bis). Da notare però che queste percentuali salgono di quasi quattro volte (rispettivamente 18% e 22%) tra le grandi imprese.

Mediamente al 7% (ma 18% tra le grandi imprese) la diffusione del “carrello della spesa”, un altro tipo di erogazione che offre un concreto sostegno al potere di acquisto dei dipendenti, ancor più se previsto attraverso la previsione di convenzioni e sistemi di scontistica. Al 2% invece la diffusione di servizi di trasporto collettivo (la percentuale sale al 9% tra le grandi).

Si ferma in media al 3% la diffusione di forme di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti, voce che probabilmente prenderà maggiore peso in futuro sia per la recente estensione degli incentivi fiscali introdotta con la Legge di Bilancio del 2017, sia per la crescente domanda a fronte dell’invecchiamento della popolazione. Tra le grandi imprese questo tipo di interventi è implementato già dal 10% del campione.

Tabella 1: Quota percentuale di imprese che erogano ciascun servizio ai propri dipendenti non dirigenti, per dimensione aziendale e fonte istitutiva del welfare
http://www.secondowelfare.it/edt/image/Immagine(10).jpg
Fonte: Centro Studi di Confindustria, Nota numero 5/2018

Il lavoro agile

L’indagine del Centro Studi di Confindustria ha approfondito poi il tema dell’organizzazione del lavoro, monitorando la diffusione di forme di lavoro agile presso le imprese associate selezionate nel campione. Il risultato della rilevazione è che circa un’impresa su 20 (5%) ha dichiarato di aver introdotto lo smart working; la percentuale sale all’11% nelle realtà con oltre 100 addetti.

In merito alla contrattazione di questa specifica materia, dal documento si evince che il lavoro agile è regolato nel 76% dei casi da accordi individuali. Vi è poi un 15% di aziende che ha introdotto anche una regolamentazione aziendale e un 6% che include il tema nella contrattazione collettiva aziendale.

Welfare aziendale: il forte gap tra piccola e grande impresa

Come già messo in evidenza da altre indagini che hanno toccato il tema del welfare aziendale, la diffusione del fenomeno sembra essere particolarmente influenzata da alcune specifiche variabili. Tra queste vi è quella relativa alla dimensione dell’impresa. Secondo il Centro Studi di Confindustria, infatti, la presenza di prestazioni di welfare – specialmente attraverso la contrattazione aziendale – è fortemente condizionata dal numero di collaboratori di un’azienda.

Questa particolarità è stata evidenziata da molte survey recenti, come ad esempio quella realizzata periodicamente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in merito alle forme premiali aziendali, oppure quella dell’Ocsel, l’Osservatorio di Cisl sulla contrattazione di secondo livello, o ancora quella realizzata nel 2017 dal nostro Laboratorio che ha coinvolto le imprese emiliano romagnole.

Infine, stando ai dati forniti da Confindustria, parrebbe esserci una tendenza ad introdurre il welfare in azienda attraverso decisioni unilaterali. Se si escludono infatti sanità integrativa e previdenza complementare – diffuse soprattutto attraverso la contrattazione collettiva – le imprese che prevedono strumenti di welfare per mezzo della contrattazione aziendale di secondo livello sono la minoranza. C’è da dire però che anche tale dinamica varia a seconda della classe dimensionale dell’impresa.

La tendenza a strutturare piani di welfare non prevedendo il coinvolgimento della controparte sindacale è un aspetto già emerso in alcune ricerche. Tra queste è possibile menzionare Welfare Index PMI 2018, indagine promossa da Generali con la partecipazione di Confindustria, Confagricoltura, Confartigianato e Confprofessioni, e dalla survey di Easy welfare.

Riferimenti

Centro Studi di Confindustria, Nota numero 5/2018

Fonte http://www.secondowelfare.it/privati/aziende/confindustria-quasi-il-60-delle-associate-prevede-forme-di-welfare-aziendale.html

 


  • 0

LA VIOLENZA DOMESTICA SI DEVE PREVENIRE,  SI PUÒ PREVENIRE

Tags : 

LA VIOLENZA DOMESTICA SI DEVE PREVENIRE,
SI PUO’ PREVENIRE

La violenza domestica è una piaga che riguarda anche te, la tua città, la tua regione, il tuo paese.
Noi tutti dobbiamo informarci, per renderci conto della diffusione, della pericolosità e dei costi di questo fenomeno, per impegnarci insieme a prevenirlo.

Le donne vittime di violenza vanno sostenute e protette. Gli uomini violenti vanno aiutati a cambiare. I minori che hanno subito violenza, assistendo alle violenze, vanno protetti ed aiutati a non essere anch’essi le vittime di oggi o diventare i violenti di domani.
La violenza domestica si deve – e si può – prevenire. La violenza domestica danneggia la persona e la società. La violenza domestica riguarda tutti e non è un fatto privato!

La violenza sulla donna ha conseguenze drammatiche e spesso irreparabili. All’interno di una relazione, quando l’uomo usa violenza sulla donna spesso coinvolge anche i figli, compresi i minori. Nel 91% dei casi di violenza nella relazione, la vittima è la donna. Ogni 2 giorni, in Italia, è uccisa una donna dal partner o dall’ex partner. I minori coinvolti nella violenza familiare, oltre a subire traumi psicologici e affettivi, sono esposti all’alto rischio di riprodurre situazioni di violenza, da adolescenti e da adulti.

I CAMPANELLI D’ALLARME
Quali sono i segnali premonitori della violenza domestica? Come possiamo riconoscerli?

La donna:
• Si sente sminuita e controllata
• È isolata dalle amicizie e dalla famiglia d’origine
• Rimane in casa, ha paura di uscire
• Si trascura, è triste e depressa
• Non ha più stima in se stessa
• È spaventata e percepisce pericolo per sé o per i figli
• Nasconde lesioni o ferite che giustifica come incidenti
• Giustifica i maltrattamenti con spiegazioni vaghe

L’uomo:
• Ha scarso controllo dei suoi impulsi
• Cerca di isolare la donna
• Controlla la partner in tutto: dal lavoro alle spese, alle amicizie, agli spostamenti …..
• Limita la libertà della partner, perché la considera una “cosa” che appartiene solo a lui
• Dimostra una gelosia ossessiva verso la partner
• Umilia la donna, privatamente e pubblicamente, con gesti e parole
• Ha comportamenti violenti anche fuori dalla famiglia

Il minore:
• E’ spesso triste, senza motivi apparenti
• Rifiuta di parlare dei propri genitori o inventa storie fantastiche sulla sua famiglia
• Appare trascurato, viene spesso mandato da parenti e amici, non viene accudito
• Ha disturbi del sonno, dell’apprendi-mento e dell’attenzione
• È iperprotettivo nei confronti della madre ed ha atteggiamenti di paura verso il padre
• Riproduce scene di violenza nei giochi da solo o ostenta comportamenti di bullismo

PREVENIRE E’ CAMBIARE LA CULTURA
Tutti noi consideriamo la violenza un male e un reato. Tutti condanniamo la violenza. Quando però la violenza viene usata all’interno della relazione affettiva,
siamo più inclini a “comprendere” che a condannare. E, se anche non la giustifichiamo, non interveniamo perché pensiamo che non siano fatti nostri.

La violenza è sempre da condannare, non va mai giustificata, ed è ancora più grave se coinvolge anche i minori.

PERCHE’ prevenire
• Per evitare sofferenze a donne e minori
• Per scongiurare che la violenza di oggi generi altra violenza domani
• Perché curare la violenza subìta costa molto di più che prevenirla
• Per impedire che la violenza, la paura, le minacce, i ricatti, impediscano alla donna di reagire e all’uomo di cambiare
• Per arrivare in tempo: prima che la violenza diventi cronaca

COME prevenire
• Modificando il nostro modo di pensare: la violenza non è un fatto privato ma ci riguarda tutti
• Formando gli operatori sanitari e giudiziari, le forze dell’ordine, gli educatori
• Educando i giovani al rispetto della persona e a condannare la violenza sulla donna
• Cambiando i molti pregiudizi sul “ruolo sociale” della donna
• Aiutando gli uomini con tendenze violente

QUANDO prevenire
• Ogni volta che partecipiamo, sia direttamente che indirettamente, a violenze o maltrattamenti fisici, sessuali, psicologici ed economici
• Quando avvertiamo intorno a noi un campanello d’allarme
• Ogni volta che qualche amica/o, conoscente, vicina/o di casa, familiare, allieva/o, si trova in situazioni di violenza domestica

Amici, conoscenti, parenti, vicini di casa, impariamo a riconoscere i tanti volti della violenza e impegniamoci a combattere il silenzio

NON ASPETTIAMO CHE SIA TROPPO TARDI

Numero verde ANTIVIOLENZA E STALKING 1522 (24 ore su 24)

Città metropolitana di Firenze
• Associazione Artemisia Centro donne contro la violenza “Catia Franci” Onlus; email: artemisia@fol.it, indirizzo web: www.artemisiacentroantiviolenza.it, tel. 055 601375 e 055 602311
• Centro Aiuto donna Lilith Empoli; email: centrolilith@anpas.empoli.fi.it, indirizzo web: www.lilithcentroaiutodonna.it, tel. 0571 715256

Provincia di Prato
• La Nara; email: lanara@alicecoop.it, indirizzo web: www.alicecoop.it, tel. 0574 34472

Provincia di Pistoia
• Aiuto Donna; Servizio del Comune di Pistoia c/o Assessorato Politiche Sociali; email: aiutodonna@comune.pistoia.it, indirizzo web: www.comune.pistoia.it, tel. 0573 21175
• Liberetutte; email: info@liberetutte.org, indirizzo web: www.liberetutte.org, tel. 340 6850751

I siti web dei centri antiviolenza della Regione Toscana
• http://www.regione.toscana.it/-/i-siti-web-dei-centri-antiv…

A cura di Cittadinanzattiva toscana onlus


  • 0

Partecipare ad un sistema economico circolare

Tags : 

Mercoledi abbiamo concluso la prima fase del percorso di #economia#circolare offerto dalla Camera di Commercio di Firenze assieme la scuola Sant’Anna di Pisa.

Tre i nostri tavoli di confronto #food #moda#servizi.

La giuria ha valutato valide tutte e 9 le azioni proposte, ma andremo avanti su 3 azioni nel 2019.

Una piattaforma “nostra” di best practices valorizzando anche quelle esistenti europee di italiane, la misurazione della circolarità per azzerare lo #spreco, e la messa in rete di #fornitori qualificati.

Il focus sul quale lavorare è di rete e partnership, e intersettorilità #sistema #imprese #collaborazione #winwin#collectiveaction

https://www.facebook.com/pianiprojects/photos/pcb.728263630871978/728263577538650/?type=3&theater

 


  • 0

Efficienza ed Efficacia dei Meeting

Tags : 

Come scegliere un lanyard e disporre al meglio un badge che sia utile?

In classe MITA Academy MARKET abbiamo voluto confrontarci sulla #qualità percepita, attesa e effettiva di un piccolo #merchandising che ha valore dal momento che #funziona #efficienza ed #efficacia#branding #percezione #costi #persone

Facebook


  • 0

Merchandising, branding & value to customer

Oggi in classe con gli allievi del MITA AcademyMarket abbiamo toccato con mano alcuni oggetti di merchandising e anche allestimenti come strumento di #marketing per #eventisociali #eventisportivi#eventiincentive #eventiaziendali #meetings e#conferenze #bambini #farmaceutica #fashionapprofondendo la coerenza del #branding aziendale e come gestire un #budget e #ROI

https://www.facebook.com/pianiprojects/photos/a.427350077630003/728249984206676/?type=3&theater


  • 0

Sustainable Campuses as a key to future development

Reports show that SDGs are not known by middle management, and CSR is not fully taken to its potential unless management buys in the moral purpose, and not only as the license to operate. Let’s start by investing in a sustainable campus, and seeding our closest future leaders. I recommend you register to the 2nd International Symposium on Sustainable Campus.

The program is very rich, and susan george and I will share a workshop introducing Theory U and some tools to facilitate ego to eco-system transformation.

Conference link, and registrations: https://www.haw-hamburg.de/en/ftz-nk/events/florence2018.html

When: Tuesday 11 December – 17:15 – 19:00 U.lab Social Innovation Hub training in University Campuses Elena Piani, and Susan George. Piani Projects and University of Florence, Italy

Where: University of Florence,  Aula Ostensio Del Giardino dei Semplici (Botanical Garden) – Via Micheli 3 Florence

Workshop brief: Building upon two decades of action research at MIT, Theory U shows how individuals, teams, organizations and large systems can build the essential leadership capacities needed to address the root causes of today’s social, environmental, and spiritual challenges. In this workshop we will share the five movements and seven essential leadership capacities reinforced through the U process, allowing a shift in consciousness from ego-system to eco-system awareness. The workshop will also involve the experimentation of some tools of the U.lab platform available on MOOC and in person programs. Further information is available at https://www.presencing.org/#/aboutus/theory-u and https://www.presencing.org/#/programs/course/landing-page/ulab_1x/at_a_glance

#sustainability #education #universities #csr #sdgs #circulareconomy #campus #sustainabledevelopment #presencing #ulab


  • 0

Italia & gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) – Il Rapporto Asvis 2018 ci racconta del progresso Italiano e che per ora l’Italia perde colpi

Clicca qui per scaricare il Report ASviS 2018

Il 25 Settembre 2018, è stato festeggiato il terzo anniversario dell’Agenda 2030, e questo vuol dire che un altro anno è passato e c’è un anno in meno che ci separa dall’ambizioso traguardo del raggiungimento dei 17 SDGs.

A fare il punto di questo percorso per quanto riguarda il nostro paese ci pensa ogni anno il Rapporto ASviS la cui edizione 2018 è stata presentata oggi presso la Camera dei Deputati. La situazione italiana è stata analizzata tramite gli indicatori compositi elaborati dall’ASviS, con la metodologia AMPI (utilizzata anche dall’Istat). Per 15 Goal su 17 si fa riferimento ad un indicatore composito, a partire da 95 indicatori elementari, mentre per il Goal 13 e il Goal 17 si è usato un solo indicatore headline. Ecco di seguito la performance italiana rispetto agli SDGs.

Il valore base dell’Italia nel 2010 è 100, e da questo i valori salgono o scendono a seconda che vi siano stati, rispettivamente, miglioramenti o peggioramenti.

Rispetto al 2010, la situazione resta complessivamente stabile, poiché vi sono dei Goal in cui l’Italia è migliorata, altri in cui è peggiorata e altri ancora in cui i valori sono stazionari o si compensano tra di loro.

In particolare, dal 2010 al 2016, l’Italia:

È migliorata per:

  • Alimentazione e agricoltura sostenibile (Goal 2): diminuzione della popolazione in sovrappeso e aumento delle superfici coltivate biologicamente.
  • Salute (Goal 3): riduzione dei tassi di mortalità e degli incidenti stradali.
  • Istruzione (Goal 4): aumento delle persone laureate e diminuzione delle uscite dal sistema scolastico.
  • Parità di genere (Goal 5): miglioramento della partecipazione femminile alla vita politica e sociale, sebbene al di sotto della media europea.
  • Innovazione e infrastrutture (Goal 9): diffusione dell’uso di internet e aumento degli impiegati nel campo della conoscenza.
  • Produzione e consumo sostenibili (Goal 12): aumento del riciclaggio e diminuzione del consumo di materia.
  • Lotta al cambiamento climatico (Goal 13): riduzione delle emissioni per la crisi economica (con lieve peggioramento nell’ultimo biennio).
  • Cooperazione internazionale (Goal 17): aumento della quota dell’APS (Aiuto Pubblico allo Sviluppo) sul reddito nazionale lordo.

È peggiorata per:

  • Povertà (Goal 1): peggiora la povertà assoluta, con un alto numero di individui in famiglie a bassa intensità lavorativa.
  • Lavoro (Goal 8): alta disoccupazione, migliorata solo nell’ultimo biennio.
  • Disuguaglianze (Goal 10): aumento del gap tra reddito dei più ricchi e dei più poveri, nonostante l’aumento totale del reddito disponibile dal 2014.
  • Città e centri urbani (Goal 11): bassa qualità delle abitazioni, migliorata però nell’ultimo anno.
  • Ecosistema terrestre (Goal 15): aumento del consumo del suolo

È rimasta stazionaria per:

  • Acqua e strutture igienico-sanitarie (Goal 6): miglioramento fino al 2014, con un aumento di famiglie che mostrano fiducia nei confronti della potabilità dell’acqua del rubinetto, ma successivo peggioramento determinato dalla riduzione dell’efficienza delle reti di distribuzione dell’acqua potabile.
  • Energia pulita (Goal 7): aumento dell’utilizzo di energia da fonti pulite, con un peggioramento della situazione dalla ripresa economica.
  • Condizione dei mari (Goal 14): valori molto vicini a quelli del 2010.
  • Governance, pace, giustizia e istituzioni solide (Goal 16): la tendenza negativa fino al 2014 è poi migliorata grazie alla riduzione dei procedimenti civili.

Per Enrico Giovannini, Portavoce dell’ASviS, “si sono già persi tre anni per dotarsi di una governance che orienti le politiche allo sviluppo sostenibile. Il 2030 è dietro l’angolo e molti Target vanno raggiunti entro il 2020. Oltre all’immediata adozione di interventi specifici in grado di farci recuperare il tempo perduto sul piano delle politiche economiche, sociali e ambientali, l’ASviS chiede al Presidente del Consiglio di attivare subito la Commissione nazionale per l’attuazione della Strategia per lo Sviluppo Sostenibile, di trasformare il CIPE in Comitato Interministeriale per lo Sviluppo Sostenibile e di avviare il dibattito parlamentare sulla proposta di legge per introdurre il principio dello sviluppo sostenibile in Costituzione, al fine di garantire un futuro a questa e alle prossime generazioni”.

Oltre a queste richieste e alla fotografia di un’Italia ancora un po’ a rilento, tuttavia, il Rapporto ASviS presenta anche ciò che di buono è stato fatto tramite alcune leggi, norme, decreti e iniziative sociali. Afferma infatti Pierluigi Stefanini, Presidente ASviS: “il Rapporto è anche portatore di speranza perché dà conto delle iniziative di numerosi soggetti economici e sociali, nonché di tantissime persone, che stanno cambiando i modelli di business, di produzione, di consumo, di comportamento, con evidenti benefici, anche economici”.

(Fonte: http://www.info-cooperazione.it/2018/10/rapporto-asvis-2018-litalia-perde-colpi-sullo-sviluppo-sostenibile/ – Pubblicato il: 4 ottobre 2018)