Tag Archives: diversity

  • 0

L’eccellenza del Terzo Settore – Progetto Formazione-Lavoro Giovani ATISB ETS

Tags : 

3a Tappa degli Incontri con il Mondo del #Lavoro per i giovani del direttivo dell’Associazione Toscana Idrocefalo e Spina Bifida, progettato assieme al Presidente Marco Esposito.

Un ringraziamento speciale agli Enti del Terzo Settore tra i più importanti del #territorio in #Toscana, grazie per la disponibilità a Andrea Morino della Venerabile Misericordia di Firenze Massimo Cerbai del Gruppo Frates e Cambi Alessandro della Croce Rossa Italiana di Bagno a Ripoli.

Puntiamo al talento e cosa si può fare, essere lavoratori prima di tutto, e non alle limitazioni.

Gli enti del #terzosettore (#ETS) sono #organizzazioni che necessitano di #competenze #passione #innovazione #formazionecontinua #disabilità e #inclusione

Zoom, 22 Marzo 2021


  • 0

La Pubblica Amministrazione è aperta ai diversi talenti

Tags : 

Disability Manager

Perché la Pubblica Amministrazione non attrae talenti?

Quale le opportunità offerte dalla legge 68/99 e dal Jobs Act per la Disabilità ed Inclusione?

Quale il ruolo di un Disability Group e di un Disability Manager?

Ne abbiamo parlato con la Pubblica Amministrazione dell’Azienda Sanitaria locale Toscana Centro e la Cooperativa Sociale G. Di Vittorio in occasione del secondo incontro con gli stakeholders del lavoro all’interno del percorso formativo “Ascolto, Intenzione e Azione” di cui sono docente e rivolto ai giovani del direttivo dell’Associazione Toscana Idrocefalo e Spina Bifida.

L’incontro è stato molto interessante perché la D&I richiede davvero un patto sociale e un cambio del sistema nel modo in cui inseriamo i disabili e soprattutto culturale da parte del management e dei colleghi. Tante le necessità di formazione. La volontà e l’impegno è sentito e speriamo di creare nell’anno una tavola rotonda multi-stakeholder e fare emergere tutte le opportunità di innovazione sociale, organizzativa ed economica necessaria per il nostro benessere.

Grazie speciale a Ilaria Pratesi, Pietro Galliano, Lorella Masini, Antonella Garganese e come sempre alla leadership di Marco Esposito che crede per primo nel progetto di cui sono parte attiva.

Un grazie di tutto cuore, abbiamo tutti tantissimo da imparare per essere cittadini migliori e creare maggiore attrattività per i talenti all’interno della pubblica amministrazione.

Sappiamo tutti che la disabilità non è un limite, se non dal contesto, dobbiamo tutti lavorare per abbattere barriere, mentali in primis.


  • 0

Mondo Profit per la Disabilità & Inclusione – Tavola Rotonda

Tags : 

Sono già due mesi che ho l’onore di essere docente di un percorso formativo rivolto a #giovani del direttivo dell’Associazione #Toscana Idrocefalo e #SpinaBifida con l’obiettivo di accompagnarli nello sviluppo di competenze per il lavoro.

Come parte del programma il mese di Marzo è dedicato ad una serie di tavole rotonde con gli #stakeholders del mondo del lavoro: #profit, #ETS, #PA e #agenzie del lavoro. Lunedi u.s. abbiamo coinvolto Findomestic Banca Baker Hughes Eli Lilly and Company come leader della #diversity and #inclusion.

Un ringraziamento molto sentito a Simona Piva Marco Benvenuti @domenicocirelli Silvia Sulpizi Elena Bonanni per la loro disponibilità e testimonianza.

#sdgs2030 #ourcommonfuture #sustainabledevelopment

Dona il tuo 5×1000 ad ATISB


  • 0

Workshop Leadership Dinamica @NERD Trainers

Tags : 

Immagine che contiene testo Descrizione generata automaticamente No alt text provided for this image

Uno dei buoni risultati del lockdown è stata la collaborazione tra colleghi formatori. Grazie alle occasioni di incontro su Facilita2020 (*) è nato il mitico gruppo dei formatori NERD (Narratori di Esperienze Resilienti Digitali), un gruppo di 30 professionisti che a turno una volta al mese ci auto-formiamo, In co-docenza, offriamo un workshop gratuito al resto del gruppo.

Il 30 Novembre è stata la mia volta, ed assieme a Barbara Dardi, abbiamo ideato un workshop per far conoscere le 5 Sedie di Louise Evans in un format partecipativo e stimolante, abbiamo chiamato il nostro workshop 5 Sedie, 5 Scelte (ispirato dal libro di Louise Evans)  Sperimentazione di Leadership Dinamica.

Il laboratorio è stato dedicato alla sperimentazione della leadership dinamica, ed è stata la possibilità per migliorare la gestione dei comportamenti, conoscere meglio la comunicazione non-violenta e quindi migliorare la comunicazione e determinare il vostro/nostro successo.

Gli strumenti che abbiamo usato sono stati menti, jamboard, googledocs, zoom e breakoutrooms.

Dopo una prima condivisione delle 5 sedie siamo entrati in simulazione comportamentale usando un trigger, ovvero di un uomo che dice ad una collega in una riunione “Stai zitta donna”….e tu come ti saresti comportato, quali emozioni, quali pensieri, quale reazioni, quale impatto sulla relazione, ed anche nel gruppo di lavoro? Prendere consapevolezza è chiaro, abbiamo tutti la LIBERTA’ DI SCEGLIERE come essere….

Gli obiettivi del workshop che abbiamo definito sono:

  • acquisire consapevolezza del nostro modo di essere in diverse situazioni e il nostro impatto legato anche ai nostri bisogni;
  • acquisire strumenti per scegliere come relazionarci e trasformare dinamiche individuali e di gruppo;
  • potenziare le competenze di leadership individuale/empowerment .

Un grazie di cuore a tutti i partecipanti del Laboratorio del 30 Novembre e alla mia co-facilitatrice @BarbaraDardi.

Un grazie speciale a @LouiseEvans scrittrice del modello delle @the5chairs che ci ha onorato della sua sorpresa finale!!

Molto bello conoscersi sperimentando insieme e imparando gli uni con gli altri.

 

(*) Organizzato da Gerardo de Luzenberger, con la facilitazione di Pierre Houben e dalla mia amica Alessandra Scala

 


  • 0

Kick off del Percorso MITA S.T.A.R. – Tecnico di sviluppo di strategie marketing e commerciali per il prodotto moda tessile ACRONIMO S.T.A.R. for FASHION– Sales Textile Advanced Revolution for FASHION

Tags : 

A me l’onore e la responsabilità di aprire con motivazione e qualità, l’anno accademico per gli studenti MITA STAR che formerà i giovani di età 18-28 in Tecnici di sviluppo di strategie marketing e commerciali per il prodotto moda tessile ACRONIMO S.T.A.R. for FASHION– Sales Textile Advanced Revolution for FASHION.

Nel percorso MITA S.T.A.R. (http://mitacademy.it/index.php/star-for-fashion/) gli studenti avranno occasione di formarsi su tantissime materie, tra cui con me in Inglese Tecnico per la Moda, useremo diversi strumenti per approfondire la materia non solo il vocabolario e la grammatica, ma avremo l’opportunità di intervistare in Inglese alcuni personaggi della moda Italiana, e di imparare a descrivere pubblicità, lavorando anche sul tema della negoziazione e conflitti multiculturali.

Trenta i giovani quest’anno, e gli ITS sono un’ottima scelta per coloro che non vogliono solo conoscere, ma imparare a saper fare. Il MITA è capace di formare i giovani in professionisti dell’alta moda italiana, e le medie di occupazione post diploma sono del 98%, in quanto rispondono ai bisogni delle imprese del territorio. Una scelta vincente per il nostro Made in Italy.

Un grazie profondo alla Direttrice Antonella Vitiello e a tutto il suo staff per impegnarsi quotidianamente nella selezione, organizzazione e posizionamento dei numerosi corsisti MITA. La la formazione online è una sfida aggiuntiva, ma sta anche aiutando i nostri giovani a formarsi sulle nuove tecnologie. Speriamo presto di tornare in modalità formative in presenza. Teniamo duro!

 

 


  • 1

SOSTENIBILITÀ’ IN RISONANZA: Pensare, sentire e agire per l’ecosistema

Tags : 

In occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile ASVIS (SDGs 4,11 e 13), verrà offerto Sabato 3 Ottobre ore 16-18.30 presso il Parco del Mensola (ingresso via Madonna delle Grazie) a Firenze, un laboratorio esperienziale a cura di Elena Piani, Francesca Taddei, Melanie Sangwine e Daniele Federici, volto a creare esperienze corporee, ritmiche, artistiche e riflessive sulla nostra impronta ecologica.

Offriremo l’opportunità di sperimentare la ginnastica di Bothmer (per la quale non è necessaria alcuna preparazione atletica) di richiamo ambientale; una passeggiata nel parco per ricercare oggetti naturalistici con i quali si andrà a comporre un mandala (un cerchio simbolo dell’universo), nel quale potremo seminare l’intento di vita individuale, che confluirà in quello collettivo. A corredo dell’esperienza il suono delle campane di cristallo, che risuonerà connettendo i partecipanti ai quattro elementi (aria, terra, acqua e fuoco), al proprio sé e alla dimensione collettiva.

Concluderemo con una riflessione sull’importanza di connettere pensiero, sentimento e azione, concretizzando un’intenzione autentica per la sostenibilità.

L’incontro si svolgerà nel più ampio e profondo rispetto delle diversità.

L’evento si svolgerà in ambiente aperto, nel pieno rispetto delle regole del distanziamento sociale per il contenimento e diffusione della Covid-19 (Sars-cov-2).

È richiesto l’uso della mascherina, igienizzante per le mani, un telo personale e una busta per la raccolta degli oggetti naturali. Suggeriamo di portare acqua da bere, abbigliamento comodo, ed un quaderno e una penna per annotare l’esperienza. L’evento è aperto anche ai bambini.

b) Ingresso evento gratuito previa iscrizione a elena@pianiprojects.com riportando il titolo dell’evento, nome e cognome, età, professione ed eventuali esigenze.

Numero massimo di partecipanti 30. 

In caso di necessità contattare 346-0846579

Organizzatori:

Elena Piani – Formatore AIF, Consulente CSR e Innovazione Sociale
Francesca Taddei – Operatore Olistico e Counsellor
Melanie Sangwine – Visual Artist
Daniele Federici – Maetro Steineriano e Istruttore ISEF

 


  • 0

Resolving Conflict – Success story using Communication Compatibility Vision Cards

Tags : 

A group of people in front of a house Description automatically generated

Together with a group of friends, we gather once a month to share our personal experiences in relation to a theme. Our last gathering was in the peaceful setting of the Casentino Valley in Italy, where, surrounded by the powerful green of thousands of chestnut trees, we agreed to experience the theme “how do we reach important decisions in life”.

The theme was brought to us by Simon, a Benin refugee who escaped 3 years ago from his homeland, leaving behind his wife and three children, in the hope to build the foundations for a better life. Once settled in Italy, he could have then proceeded with the “family reunification”. During these last 3 years in Italy, Simon managed to learn Italian, find a job, integrate into society, as well as create a living for his whole family. He was ready to reunite the family, but the Italian bureaucracy was taking ages.

While waiting for this paperwork, and for the eighth year in a row, Simon tried applying to the USA Green card lottery, with no luck until this year, when his wife tried on his behalf. His wife was the one who received the official USA communication that they won the lottery! His wife was so excited, that she accepted the nomination and chose New York without consulting with her husband, who meanwhile had also received the paperwork from the Italian government. Problems of mistrust and miscommunication started, the couple started to crack, mainly because these life decisions are to be taken together as a family, not alone.

With all these emotions in motion before our friendly gathering, it was important for Simon, to use our gathering to get us all to share our personal experiences, and probably also to get some clearance on his feelings and support for his final decision: to join his family in USA and risk not succeeding after one year (green card coverage) or to push for his family’s relocation in Italy where his life is stable.

For our working session, we regrouped in groups of three to share our personal stories on decision-making, and we also had to prepare a sketch. The afternoon was remarkably interesting.

Despite our positive experience as a group, I could feel Simon needed further sharing and clearance. I asked Simon if he was happy to have a quiet moment for himself where I would share with him a playful yet serious game, the Ideal and current reality workshop” using the CCS image cards. He was incredibly happy to sit and to start imagining what is and what could be.

He shared one card at a time, sharing his interpretation and feelings. As he shared, his eyes brightened up. With the aid of the visuals (images) he was “seeing” the expression of a bright present.

Simon chose the first 5 cards representing his current reality, and then 5 cards representing his ideal reality. He shared one card at a time, sharing his interpretation and feelings. As he shared, his eyes brightened up. With the aid of the visuals (images) he was “seeing” the expression of a bright present. Soon after, he started sharing his ideal reality, and each image was becoming progressively real to him, he felt he was already touching his future!

He was not complete, he asked permission to move the cards around, which of course can be done. He decided to move the “ideal reality” images to the right of his “current reality”, all in a row. Taking his time to observe the chosen images, his energy level picked up, he was feeling lighter and relieved. His body language changed to a much more open posture and he smiled. He was accepting (with all mind, heart, and body) the choice his wife made on their behalf and he started projecting “their” life in New York as “one” family.

I indulged and asked him if he wished to go through the cards again and find an image which would represent an “enabling” card to make the ideal be reality. He chose a card that for him, represented “confidence”. He expanded and shared that he needed to have more self-confidence, as well as trust in this family decision, which was no longer his wife’s decision alone. By the end of our session together, all negative emotions had disappeared, he was ready for his ideal present. His heart was full of gratitude, and all bitterness towards the situation and his wife was removed. He was so thankful to the CCS methodology and cards, that he asked to buy the cards and use them to unveil his emotions and improve his communication in the future.

Simon did not feel alone anymore and was now clear on what needed to be done.

Note: Should you require further information and wish to purchase or receive training using the CCS Cards, please do contact me at elena@pianiprojects.com or +39 346 0846579. 

CCS has been widely used over the past 25 years and is an incredible tool for a variety of activities, from one to one coaching, to group facilitation and further. I can distribute CCS cards and deliver related workshops to you over Italy and Europe, in person, or online.

You can also visit CCS Corporation Australia website: https://ccs.cards/

 

 

 


  • 0

Piani Projects contribuisce alla Formazione sulla Diversity & Inclusion in Findomestic

Tags : 

Divercity Magazine Europeo di Inclusione e Innovazione Dic 2019 Numero 5 p.34

Workshop sulle Disabilità Invisibili a metà della seconda colonna. In un’anno abbia svolto un vero e proprio road show con questo workshop nelle città di Firenze, Padova, Milano, Napoli e Roma. Le persone di Findomestic sono davvero belle e  sono davvero contenta di aver potuto contribuire personalmente e con la mia collega Alessandra Scala, nel portare più consapevolezza su chi è veramente disabile, e che dal pregiudizio nessuno ne beneficia, dobbiamo dare valore all’ascolto e conoscerci. Le disabilità non sono sempre visibili!

Un grazie speciale a Simona Piva per la fiducia in questi anni e non vediamo l’ora di ripartire appena la pandemia ce lo permetterà.


  • 0

Workshop per gli importatori Ukraini di FCA Alfa Romeo MY2020

Tags : 

Stabilimento produttivo in world class manufacturing di FCA Alfa Romeo in Cassino – 23 Gennaio 2020

Per AMisura Consulenza, assieme al collega Luciano Mancini, abbiamo condotto un workshop formativo in modalità di round robin con gli importatori ukraini. Importante la conduzione in inglese, ma anche la consapevolezza della cultura balcanica e sintonizzazione sulla lingua russa. Il workshop ha permesso un confronto inter-regionale, e risvegliato un pensiero laterale ed inclusivo per arrivare a stimolare un nuovo mercato in crescita per Stelvio e Giulia. Un pubblico più diversificato, non solo veloce e maschile, ma anche femminile, andando oltre alcuni stereotipi sociali, e sottolineando la “meccanica delle emozioni” dietro l’eccellenza del made in Italy, dove i processi produttivi sono assicurati.


  • 0
Immagine che contiene testo, persona, esterni, inpiedi Descrizione generata automaticamente

Teambuilding Event for Nexi S.pA. Kapa Haka Italia

Tags : 

Immagine che contiene testo, persona, esterni, inpiedi Descrizione generata automaticamente

As part of the KAPA HAKA ITALIA Team we delivered a teambuilding event to 100 NEXI SpA employees.

It was a challenge to deliver Maori Haka content & dancing in 90 minutes but we made it, and the leaders were changed by the end of the event!

Connect to your ancestors and feel the energy!

Visit https://www.kapahakaitalia.it/

Email elena@pianiprojects.com for a quotation.